Su tutte le somme dovute a qualsiasi titolo all’agente (provvigioni, rimborsi spese, premi di produzione, indennità di mancato preavviso) in dipendenza del mandato di agenzia. Il versamento contributivo, tenendo conto del limite di un minimale ed un massimale annuo, viene effettuato integralmente dalla ditta mandante, che ne è responsabile anche per la parte a carico dell’agente.

L’aliquota contributiva relativa all’anno 2014 è pari al14,20% delle provvigioni (da dividere in parti uguali: 7,1% a carico della mandante e 7,1% a carico dell’agente). Nel 2015 sarà del 14,65 (7,325% per ciascuna delle parti). (Sul sito www.enasarco.it, c’è un calcolatore online ).

I massimali provvigionali annui, su cui calcolare il contributo, sono stabiliti come indicato nella tabella allegata e scaricabile all’interno della notizia.

Per massimale provvigionale s’intende la somma delle provvigioni fatturate, fino al raggiungimento degli importi succitati. Gli agenti plurimandatari debbono considerare l’aliquota per ciascuna azienda in contratto. Oltre questi importi, non deve più essere applicata la trattenuta previdenziale. Si inserirà in fattura, la dicitura “MASSIMALE ENASARCO GIA’ RAGGIUNTO”.

Contributo previdenziale obbligatorio
1. Il contributo previdenziale obbligatorio, da calcolarsi su tutte le somme dovute
all’agente a qualsiasi titolo in dipendenza del rapporto di agenzia anche se non ancora
liquidate, compresi acconti e premi, a partire dal 2012 subirà l’ incremento dell’aliquota contributiva si   attraverso il seguente regime di elevazione graduale