Relativamente ai dati forniti da Unioncamere Emilia-Romagna, da cui emerge una flessione delle imprese attive nella nostra regione nel primo trimestre 2018, in particolare quelle del commercio (-1.188 unità, 1,3%), il presidente della Confesercenti E.R. Dario Domenichini ha dichiarato quanto segue:

La ricerca di Unioncamere E.R. da cui emerge la flessione delle attività attive del commercio, non ci giunge purtroppo nuova e da tempo la nostra associazione lancia allarmi in tal senso. Se è pur vero che crescono i servizi di alloggio e ristorazione (+167 unità, +0.6%) spinti anche da una forte crescita del turismo nel nostro territorio, è indubbio che l’offerta commerciale rappresentata dai negozi di vicinato si riduce.

La vitalità dell’economica non è mai unidirezionale, perciò è necessario muoversi affinché, oltre al turismo, anche altri settori possano trovare altrettanto slancio. Finchè non si compieranno scelte strutturali, relative alla calmierazione dei prezzi degli affitti, ad una tassazione più equa, e alla prevenzione e repressione dell’abusivismo dilagante, non credo si possa vedere una inversione di tendenza.”

 

Cliccando "ACCETTO" approvi la nostra policy su privacy, gestione dati e utilizzo cookie in base alla normativa vigente (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003)
RIFIUTO: Desidero maggiori informazioni (GDPR e Cookie)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi